INDICE

ULTIMO POST! Giuseppe Rizzo, vincitore 2009 OPEN SPACE: in questo spazio sono pubblicati i post scritti da voi! Mandate i vostri post a: info@romaeuropawebfactory.it ULTIMO POST! Nada exist di Simone Liberati di Ernest Le Beau Inedito: intervista a Rick Moody di Valerio Mattioli Guido Ceronetti – La fragiltà del pensare, antologia filosofica personale di Malensa L’autostrada del diavolo di Luis Alberto … Continua a leggere

Giuseppe Rizzo – vincitore 2009

  Il 13 maggio alle 11 in conferenza stampa all’Opificio Telecom sono stati premiati con 5000 euro in gettoni d’oro i vincitori delle 4 categorie. Per 100words Giuseppe Rizzo con il racconto Istruzioni per l’uso di miracoli e tamburi. Descrizione: Fondo Picone fino a qualche anno fa era una baraccopoli vicino al fiume Oreto di Palermo. Quando il resto della … Continua a leggere

Brief 100words – in finale!

Cari finalisti, complimenti, la prima fatica è fatta! E qui vi voglio, perché inizia la seconda fase. Ora avete poco più di un mese di tempo (fino al 15 aprile) per trasformare il vostro incipit in un racconto, che non dovrà superare le tre cartelle. Avrete sentito parlare di “tutoraggio”: qui entro in gioco io. Darò a ognuno di voi, … Continua a leggere

“Nada Exist” di Simone Liberati

Nada Exist racconta la vita di Patrice, un fotografo di moda parigino, quasi quarantenne, un personaggio che ti rimane addosso per l’aspetto byroniano. La fronte alta da genio cattivo, l’incavo della guancia, la linea del naso sono quelle. Ha qualcosa di satanico; qualcosa di malato. Non è solo per gli spasmi irregolari dell’alcolista. Né per quel filo di pancia. È … Continua a leggere

breviario delle cose da non fare

Partiamo, prevedibilmente, dal presupposto che non esistono “ricette” per scrivere un racconto vincente, né vere e proprie tecniche da applicare. Proverò comunque a darvi qualche consiglio, sulla base di quello che ho notato negli incipit in concorso. Se è vero che non ci sono “cose che bisogna fare per scrivere un bel racconto a colpo sicuro” (anche se qualcuno narra … Continua a leggere

L’autostrada del diavolo di Luis Alberto Urrea

“L’autostrada del diavolo” è un testo che non mi aspettavo. Si traveste da romanzo ma si comporta come un’inchiesta rigorosa. È per questo che Luis Alberto Urrea è andato quasi vicino al Pulitzer. È una storia cattiva come la sorte dei clandestini in cammino attraverso il deserto che divide il confine tra Messico e Stati Uniti. Leggerlo significa incontrarli, seguirli, … Continua a leggere

Guido Ceronetti – La fragiltà del pensare, antologia filosofica personale

La fragilità del pensare e’ un libro alchemico. Mistico. Una sorta di Ching occidentali da aprire al mattino o semplicemente quando si ha bisogno di un goccio di fede. Ovvero di cinismo. Ovvero di una lacrima. Dipende. Organizzato a mò di dizionario, riassume in se la massima espressione del simbolismo frammentario su cui si poggia l’atto del pensare. L’Autore Guido … Continua a leggere

Inedito: intervista a Rick Moody

Questa intervista, svolta per conto di Repubblica, è in realtà rimasta inedita e risale a primavera 2008. Il New Yorker lo ha inserito tra i venti autori destinati a segnare il nuovo secolo. Il Washington Post lo ha proclamato “uno dei nostri migliori scrittori”, e a proposito di Albertine, il racconto che chiude la recente raccolta Tre vite (pubblicata in … Continua a leggere

Tutta la vita davanti

Ho visto il film di Virzì, quello famoso, quello sui precari, la settimana scorsa. Tutta la vita davanti. È addirittura un film leggero, fino a tre quarti. Perché è vero, molti precari sono leggeri, scanzonati, divertiti. Può essere anche un simpatico passatempo (finchè si è giovani e ci si dice: tutto questo durerà ancora per poco) districarsi tra seratine low … Continua a leggere

gen(d)erazione

Per la serie antologie (di cui non vorrete più sentire parlare ma su cui io vi tedierò comunque), ho comprato l’altro giorno la raccolta delle migliori autrici pubblicate da Mc Sweeney’s, assemblata e tradotta in Italia per Mondadori. Si tratta di ragazze, ma anche donne – alcune oltre quell’età entro cui le si può chiamare in causa per parlare della … Continua a leggere